Condividi

Scordia per noi è una straordinaria visione! La nostra Scordia, la Scordia che vogliamo, è un paese vivo, accogliente, solidale, pulito, immerso nel verde ed in perfetta armonia con la splendida natura che lo circonda. Sogniamo una comunità libera, colta, giusta, che condivida benessere e cultura. Noi ci crediamo perché tutto questo lo vediamo già! È il ricordo di Salvo Basso, dei giardini rigogliosi che davano alle famiglie benessere e libertà, sono le immagini della Via Vittorio Emanuele, la nostra piazza, attraversata dai carri del Carnevale. È la bellezza dei nostri vicoli, la cultura della nostra gente, il profumo e il sapore della nostra terra.

Per far rivivere tutto questo dobbiamo però riprenderci ciò che ci hanno tolto e far rinascere la nostra Scordia sapendo che tante, troppe, amministrazioni, sia di centro destra sia di centrosinistra, hanno fallito.

Sperperi, clientele, cattiva amministrazione, scelte drammaticamente sbagliate, e la cecità di un ceto politico rinchiuso nei suoi salotti e nelle stanze blindate della politica dei compromessi e del mantenimento del potere, hanno danneggiato tutta la nostra comunità.

Scordia ora è un paese abbandonato, saccheggiato e gravato da debiti enormi, mai così spento, mai così sporco, che ha pagato duramente l’assenza e l’incompetenza di un’amministrazione fantasma.

La nostra gente non è mai stata così in difficoltà perché oltre agli effetti della crisi, paga anche l’incapacità di chi ha governato il nostro paese di valorizzare le nostre ricchezze. Chi ci ha governato ha contributo a mettere in crisi il commercio, ha perso qualsiasi contatto con i medi e piccoli produttori agricoli, non si è mai speso per affrontare con i soggetti sociali e produttivi interessati la crisi del comparto agricolo, sconosce, o peggio non si cura, della condizione drammatica che vivono i nostri braccianti e non si è preso nessuna cura del disagio sociale che vivono tante famiglie di Scordia.

Noi crediamo che per far rinascere il nostro paese la ricetta sia semplice perché l’abbiamo ascoltata tante volte dalla voce dei cittadini e delle cittadine e a loro vogliamo dare voce con il nostro programma perché crediamo che Scordia non appartenga ad una casta di privilegiati che da troppi anni cura solo i suoi interessi e quelli dei suoi amici. Scordia non può essere cosa loro, Scordia è Bene Comune e questo è il nostro programma per realizzarlo.